Categorie
Guida al SEO del blog

Guida al SEO del Blog. Cosa sa Google del tuo Blog (Lezione 4)

Posizionarsi su Google è fondamentale per la crescita e il successo di un blog. All’inizio, questo passo non è automatico e richiede pazienza e sacrificio. Dovete sapere che la grande G sa moltissime informazioni riguardanti ogni blog e le monitora costantemente facendo una specie di “classifica” utile al posizionamento. In questa lezione vediamo cosa sa Google del nostro blog e quali sono i fattori che determinano il posizionamento sul portale numero 1 della Rete.

Google non è solo un motore di ricerca, ma è un insieme di servizi più o meno nascosti all’utente utili a differenti scopi. Uno di questi è, o meglio è stato, il PageRank. Il PageRank è un valore numerico (che va dallo 0 al 10) che Google attribuisce ad ogni pagina Web che indicizza, che si può vedere scaricando la barra di Google. Questo valore è calcolato grazie a complessi algoritmi e si basa sui link ricevuti da una pagina, (il valore di pagerank sale anche con l’aumentare del numero di link che puntano alla pagina) e prende in considerazione anche il valore di PageRank delle pagine che offrono i link. In pratica, un link ricevuto da una pagina che ha un PR alto vale molto di più di un Link ricevuto da una pagina con PR basso fornendo un grado di autorevolezza.

Qualche anno fa, l’obiettivo primario di un webmaster che volesse ben posizionarsi su Google era l’incremento del proprio PageRank. Negli ultimi anni ci si è convinti che il Pagerank non è altro che un’entità numerica considerata come un premio per un’ottima campagna promozionale, quasi sempre assimilata alla popolarità reale del proprio sito. Un alto Pagerank non garantisce un ottimo posizionamento, se parallelamente alla popolarità delle proprie pagine non esiste una strategia di ottimizzazione che renda il proprio sito indicizzabile e valutabile correttamente e una popolarità del sito che sono un effettivo successo di pubblico e di accessi.

Nella Lezione 2 abbiamo visto i principali fattori di posizionamento dei motori di ricerca, ora vediamo i fattori di posizionamento di un blog secondo Google. In base a questa classifica dobbiamo intervenire per far si di essere familiari al motore di ricerca che apprezzerà i nostri contenuti e piano piano ci farà scalare le posizioni nei risultati delle ricerche (voti da 1 a 5):

CARATTERISTICHE POSITIVE AL POSIZIONAMENTO

a) Posizione della parola chiave

  • 4.9 – Parola chiave nel titolo della pagina
  • 3.7 – Utilizzare la parola chiave nel corpo del documento
  • 3.4 – Relazione fra i il contenuto della pagina e le parole chiave
  • 3.4 – Parola chiave nel tag H1
  • 3.0 – Parola chiave nel nome di dominio
  • 2.8 – Parola chiave nel nome della pagina
  • 2.8 – Parola chiave nel tag H2,H3,Hx
  • 2.5 – Parola chiave nel tag alt delle immagini
  • 2.4 – Parola chiave nel tag Bold e/o Strong
  • 2.1 – Parola chiave nel metatag description
  • 1.2 – Parola chiave nel metatag keywords


b) Caratteristiche della pagina

  • 4.1 – Organizzare la struttura dei link in modo tale che la pagina principale riceva molti link interni
  • 3.5 – Qualità degli outbound links
  • 3.4 – Età del documento
  • 3.2 – Quantità di testo indicizzabile dallo spider
  • 3.0 – Qualità dei contenuti in misura algoritmica
  • 2.8 – Organizzazione dei contenuti (secondo schemi prestabiliti, tipo “stile giornalistico”)
  • 2.4 – Frequenza di aggiornamento delle pagine
  • 1.9 – Numero di slashes presenti nella URL (per definire le varie sezioni della pagina)
  • 1.8 – Correttezza grammaticale e nel lessico
  • 1.4 – Validazione del codice HTML (W3C Standard)


c) Caratteristiche del dominio

  • 4.5 – Livello globale di popolarità del sito
  • Calcolata in funzione della linkpopularity generale
  • 4.0 – Anzianità del sito internet
  • 3.9 – Contestualità dei backlink
  • 3.9 – Backlink da comunità a tema
  • 3.5 – Livello di crescita nel tempo dei backlink
  • 3.2 – Attinenza del contenuto intero del sito con la ricerca effettuata
  • 2.7 – Performace del sito: CTR, visite dirette, visite da preferiti, etc.
  • 2.6 – Attribuzione manuale di autorità al sito da parte di tecnici Google
  • 2.5 – Estensione del sito (.it, .com, .org, etc.)
  • 2.5 – Livello di crescita nel tempo delle pagine del sito
  • 2.0 – Numero di ricerche dirette per brand e/o nome sito
  • 1.4 – Verifica del dominio con lo strumento webmastertool di Google


d) Caratteristiche dei backlink in entrata

  • 4.4 – Parola chiave nell’anchor text del link
  • 3.6 – Quantità dei backlink
  • 3.5 – Qualità dei backlink
  • 3.5 – Quantità dei backlink da comunity a tema
  • 3.1 – Anzianità dei link
  • 3.1 – Testo attorno ai backlink
  • 2.9 – Quantità dei backlink semplici (solo nome dominio come anchor text)
  • 2.5 – Estensione dei siti linkanti (.it, .com, etc.)
  • 2.5 – Pagerank delle pagine linkanti (misurato con la toolbar di Google)
  • 2.5 – Livello di volatilità di ricezione ed eliminazione dei backlink

CARATTERISTICHE NEGATIVE PER IL POSIZIONAMENTO

  • 3.8 – Tempo di down del server dove risiede il sito
  • 3.6 – Contenuti similari o duplicati ad altri già presenti negli indici
  • 3.5 – Link in uscita di bassa qualità e/o a siti SPAM
  • 3.3 – Titoli di pagina e metatag duplicati per molte pagine del sito
  • 3.3 – Partecipazione a linkfarm e/o attività di vendita links
  • 3.3 – Utilizzo di tecniche Spamming (Stuffing, testo nascosto, etc.)
  • 2.8 – Tempi lenti di risposta del server
  • 2.2 – Link in entrata da siti SPAM (Spam Engine, domini banati, etc.)
  • 2.1 – Basso livello di visitatori sul sito (misurati tramite la toolbar, clicks sulle serp, etc.)

Questa classifica (ottenuta grazie al risultato di un questionario sottoposto a 37 esperti di SEO americani) è un ottimo punto di partenza da tenere in evidenza ogni qualvolta si debba intervenire sull’ottimizzazione e la promozione di blog su Google.

Nella prossima lezione vedremo i motivi per cui la SEO applicata ad un blog è differente rispetto alla SEO applicata in un normale sito web.

3 risposte su “Guida al SEO del Blog. Cosa sa Google del tuo Blog (Lezione 4)”

Credo che la parola chiave nel nome della pagina sia un fattore molto importante e dovrebbe avere più valore in questa classifica..
Ottimo post questo, complimenti.. è da tenere sui segnalibri sempre a portata di mano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *