Categorie
Streaming

Mogulus cambia nome e diventa Livestream

mogulusUna delle piattaforme streaming più utilizzate e conosciute cambia nome. Da oggi infatti Mogulus è diventata LiveStream con l’obiettivo di diventare il servizio di live broadcasting più usato battendo così la concorrenza di uStream e Justin.tv.

LiveStream per chi ancora non lo conosce, permette di creare una web-tv personale che trasmette in diretta direttamente da una videocamera collegata al pc o da un’altra fonte di acquisizione video o contenuti on-demand gestibile attraverso una “cabina di regia” personale. Chiunque quindi è in grado di effettuare lo streaming dei propri video in tutto il mondo, senza bisogno di un uso eccessivo di risorse hardware e a costo zero.

Oltre che alla grafica e al nome, LiveStream si arricchito di funzionalità distinguendo così due filoni principali: una via del tutto gratuita LiveStream Free (come lo è stato fino ad ora), con però una serie di banner pubblicitari che ad intervalli di tempo regolari compaiono sullo schermo, e LiveStream Pro, il servizio premium pay-for-usage che attraverso un pagamento mensile di 350$, offre uno stream di qualità anche in HD, altamente personalizzabile con funzioni innovative come il controllo da remoto ed esente da qualsiasi forma di advertising. Come posso creare la mia web-tv gratuita?

La tecnologia di codifica utilizzata per la trasmissione dei video in streaming è Flash e non vi è alcun buffer, rendendo così la visualizzazione dello stream praticamente immediata. L’utilizzo della piattaforma è estremamente semplice. Innanzitutto è necessario possere un account free sul portale. Una volta loggati basta cliccare sulla freccia rossa in alto a destra “Broadcast Now“, inserire le informazioni base e dopo aver collegato una fonta di acquisizione video al pc, iniziare la trasmissione non prima di aver settato i parametri di trasmissione.

Per un account Free è garantita una qualità video discreta di circa 500k, mentre per un account Premium lo stream viaggia alla velocità di circa 1,7 Mbps in alta definizione e secondo i gestori del sito, può supportare anche 100.000 utenti connesse contemporanemante al medesimo canale senza che le prestazioni vengano alterate.

Come accade per i portali di videosharing stile Youtube, il player multimediale può essere inserito in qualsiasi pagina web attraverso l’apposito codice (cosa che accade anche per gli altri servizi di live broadcasting principali quali uStream e Justin.tv). Il progetto è senz’altro ambizioso e al momento le tre piattaforme principali si equivalgono. Con l’aggiunta dell’account di tipo Premium, LiveStream punta ad un servizio di alta qualità, anche se il canone mensile è oneroso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *